ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Nivolumab per linfoma di Hodgkin classico recidivante / refrattario dopo fallimento del trapianto autologo di cellule ematopoietiche


Le alterazioni genetiche che causano iperespressione del ligando 1 di morte cellulare programmata ( PD-L1 ) sono quasi universali nel linfoma di Hodgkin classico ( cHL ).
Nivolumab ( Opdivo ), un inibitore del checkpoint di morte programmata 1 ( PD-1 ), ha dimostrato efficacia nel linfoma di Hodgkin classico recidivante / refrattario dopo trapianto autologo di cellule ematopoietiche ( auto-HCT ) nelle analisi iniziali di una delle tre coorti dello studio CheckMate 205 di Nivolumab per linfoma di Hodgkin classico.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia dopo l'estensione del follow-up di tutte e tre le coorti.

Lo studio multicentrico, a braccio singolo, di fase II ha arruolato pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivante / refrattario dopo fallimento del trattamento auto-HCT in coorti in base alla storia del trattamento: Brentuximab vedotin (BV)-naïve ( coorte A ), BV ricevuto dopo auto-HCT ( coorte B ) e BV ricevuto prima e/o dopo auto-HCT ( coorte C ).

Tutti i pazienti hanno ricevuto Nivolumab 3 mg/kg ogni 2 settimane fino a progressione della malattia / tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Complessivamente, sono stati trattati 243 pazienti; 63 nella coorte A, 80 nella coorte B e 100 nella coorte C.

Dopo un follow-up mediano di 18 mesi, il 40% ha continuato a ricevere il trattamento.
Il tasso di risposta obiettiva è stato del 69% in generale e del 65%-73% in ciascuna coorte.
Complessivamente, la durata mediana della risposta è stata di 16.6 mesi e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 14.7 mesi.

Dei 70 pazienti trattati dopo progressione della malattia convenzionale, il 61% di quelli valutabili aveva carichi tumorali target stabili o ulteriormente ridotti.

I più comuni eventi avversi di grado da 3 a 4 correlati al farmaco sono stati aumenti della lipasi ( 5% ), neutropenia ( 3% ) e aumenti di ALT ( 3% ).

Si sono verificati 29 decessi; nessuno è stato considerato correlato al trattamento.

In conclusione, con un follow-up esteso, le risposte a Nivolumab sono state frequenti e durature.
Nivolumab sembra essere associato a un profilo di sicurezza favorevole e a benefici a lungo termine in un ampio spettro di pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivante / refrattario. ( Xagena2018 )

Armand P et al, J Clin Oncol 2018; 36: 1428-1439

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro