ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ofatumumab in monoterapia come strategia di consolidamento nella leucemia linfatica cronica non-trattata in precedenza


Anche se sono state indagate diverse strategie di consolidamento per prolungare la sopravvivenza libera da trattamento nella leucemia linfatica cronica, la maggior parte si sono dimostrate inefficaci o tossiche.

Ofatumumab ( Arzerra ) è un anticorpo anti-CD20 umano di tipo I che trova indicazione nel trattamento dei pazienti con recidiva o progressione della leucemia linfatica cronica con risposta completa o parziale dopo almeno due linee di trattamento di mantenimento.
Una maggiore efficacia potrebbe essere osservata se impiegato come strategia di consolidamento rispetto all’assenza di consolidamento nei pazienti precedentemente non-trattati.

Sono stati reclutati pazienti non precedentemente trattati con leucemia linfatica cronica progressiva che avevano un ECOG ( Eastern Cooperative Oncology Group ) performance status di 0-2 e funzionalità renale ed epatica adeguate da Centri negli Stati Uniti.
Sono stati esclusi i pazienti con recente infarto miocardico; insufficienza cardiaca di classe III o IV; infezione non-controllata da HIV, o infezione attiva da epatite B o C; o anemia emolitica attiva.

Nel primo braccio di questo studio i pazienti sono stati trattati con 6 cicli di induzione con Pentostatina ( 2 mg/m2 al giorno 1 ), Ciclofosfamide ( 600 mg/m2 al giorno 1 ) e Ofatumumab ( ciclo 1: 300 mg al giorno 1 e 1.000 mg/m2 al giorno 2; cicli 2-6: 1.000 mg/m2 al giorno 1 ) somministrato per via endovenosa ogni 21 giorni.

Sono stati riportati i dati del secondo braccio, dove i pazienti hanno ricevuto lo stesso regime del primo braccio, con l'aggiunta di 6 cicli di consolidamento con Ofatumumab ( 1.000 mg una volta ogni 4 settimane ), somministrato per via endovenosa.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da trattamento a 18 mesi, valutata in chi aveva iniziato il consolidamento.

Tra il 2011 e il 2012, sono stati reclutati 34 pazienti per il secondo braccio dello studio.
Tra i 31 pazienti ( 91% ) che hanno completato il trattamento di induzione e hanno iniziato il consolidamento, 26 ( 84% ) hanno completato i previsti 6 cicli di consolidamento con Ofatumumab.

La sopravvivenza libera da trattamento a 18 mesi è stata del 94.1%.

Eventi avversi di grado 3 o superiore ritenuti almeno possibilmente correlati al trattamento sono stati neutropenia ( n=14, 41% ), infezioni ( n=2, 6% ) e uno ciascuno ( 3% ) con anemia, emolisi, fatica, e una complicazione neurologica, metabolica, respiratoria e vascolare.

Il consolidamento con Ofatumumab sembra essere una strategia ben tollerata ed efficace nei pazienti con leucemia linfatica cronica, che potrebbe migliorare la sopravvivenza. ( Xagena2016 )

Strati P et al, Lancet Haematology 2016; 3: e407-e414

Onco2016 Emo2016 Farma2016


Indietro