Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

Pegcetacoplan controlla l'emolisi nei pazienti naive agli inibitori del complemento con emoglobinuria parossistica notturna


L'emoglobinuria parossistica notturna ( PNH ) è una malattia rara caratterizzata da emolisi mediata dal complemento.

Pegcetacoplan ( Aspaveli ) è la prima terapia mirata a C3 approvata per gli adulti affetti da emoglobinuria parossistica notturna ( Stati Uniti ), adulti con emoglobinuria parossistica notturna con risposta inadeguata o intolleranza a un inibitore di C5 ( Australia ) e adulti con anemia nonostante la terapia mirata a C5 per 3 mesi o più ( Unione Europea ).

PRINCE era uno studio di fase 3, randomizzato, multicentrico, in aperto, controllato per valutare l'efficacia e la sicurezza di Pegcetacoplan rispetto al controllo ( solo terapia di supporto; ad esempio trasfusioni di sangue, corticosteroidi e integratori ) nei pazienti naive agli inibitori del complemento affetti da emoglobinuria parossistica notturna.

Gli adulti idonei che ricevevano solo cure di supporto per la emoglobinuria parossistica notturna sono stati assegnati in modo casuale e stratificati in base al loro numero di trasfusioni ( meno di 4 o 4 e oltre ) 12 mesi prima dello screening.

I pazienti hanno ricevuto Pegcetacoplan 1.080 mg per via sottocutanea due volte a settimana o hanno continuato la terapia di supporto ( controllo ) per 26 settimane.

Gli endpoint coprimari erano la stabilizzazione dell'emoglobina ( evitamento di una riduzione superiore a 1 g/dl dei livelli di emoglobina senza trasfusioni ) dal basale fino alla settimana 26 e variazione della lattato deidrogenasi ( LDH ) alla settimana 26.

Complessivamente, 53 pazienti hanno ricevuto Pegcetacoplan ( n=35 ) o controllo ( n=18 ).

Pegcetacoplan è risultato superiore al controllo per la stabilizzazione dell'emoglobina ( Pegcetacoplan, 85.7%; controllo, 0; differenza, 73.1%; P minore di 0.0001 ) e per la variazione rispetto al basale di LDH ( variazione media dei minimi quadrati: Pegcetacoplan, -1.870,5 U/L; controllo, -400.1 U/L; differenza, -1.470.4 U/L; P minore di 0.0001 ).

Pegcetacoplan è risultato ben tollerato. Nessun evento avverso correlato a Pegcetacoplan è stato grave, e non sono stati osservati nuovi segnali di sicurezza.

Pegcetacoplan ha stabilizzato rapidamente e significativamente l'emoglobina e ha ridotto LDH nei pazienti naive agli inibitori del complemento, e ha presentato un profilo di sicurezza favorevole. ( Xagena2023 )

Wong RSM et al, Blood Adv 2023; 7: 2468-2478

Emo2023 MalRar2023 Med2023 Farma2023



Indietro