GSK Ematologia
Janssen Oncology
Passamonti Linfoma mantellare
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Previsione degli esiti nei pazienti con leucemia linfatica cronica trattati con Ibrutinib: sviluppo e validazione di un modello prognostico a quattro fattori


Studi randomizzati hanno stabilito la superiorità della terapia a base di Ibrutinib ( Imbruvica ) rispetto alla chemioimmunoterapia nella leucemia linfatica cronica.
La durata della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con Ibrutinib può variare in base al sottogruppo di pazienti.
Sono necessari strumenti clinici per la prognosi e la stratificazione del rischio.

I pazienti trattati con Ibrutinib negli studi di fase II e III hanno fornito il set di dati di scoperta e sono stati suddivisi in coorti di scoperta e di convalida interna. Una coorte di convalida esterna ha compreso 84 pazienti arruolati nel studio di fase II.

L'analisi univariabile di 18 parametri pretrattamento è stata eseguita utilizzando gli endpoint di sopravvivenza libera da progressione e di sopravvivenza globale.
L'analisi multivariabile ha identificato quattro fattori per un modello prognostico convalidato in coorti interne ed esterne.

I fattori associati indipendentemente a ridotta sopravvivenza senza progressione e sopravvivenza globale sono stati i seguenti: aberrazione TP53, trattamento precedente, beta-2 microglobulina superiore o uguale a 5 mg/l e lattato deidrogenasi superiore a 250 U/l.
Ciascuno di questi quattro fattori ha contribuito con un punto a un modello prognostico che stratifica i pazienti in tre gruppi di rischio: da tre a quattro punti, ad alto rischio; due punti, rischio intermedio; da zero a un punto, rischio basso.

I tassi di sopravvivenza senza progressione a 3 anni per tutti gli 804 pazienti combinati sono stati del 47%, 74% e 87%, rispettivamente, per il gruppo a rischio alto, intermedio e basso ( P minore di 0.0001 ).
I tassi di sopravvivenza globale a 3 anni sono stati rispettivamente del 63%, 83% e 93% ( P minore di 0.0001 ).

Il modello è rimasto significativo quando è stato applicato individualmente a coorti naive al trattamento e recidivate / refrattarie.

Per 84 pazienti nella coorte esterna, le mutazioni BTK e PLCG2 sono state testate trasversalmente e alla progressione.

Le incidenze cumulative delle mutazioni sono risultate fortemente correlate con il modello. Nella coorte esterna, la trasformazione di Richter si è verificata nel 17% dei pazienti nel gruppo ad alto rischio e in nessun paziente nel gruppo a basso rischio.

I pazienti ad aumentato rischio di fallimento di Ibrutinib possono essere identificati all'inizio del trattamento e considerati per gli studi clinici. ( Xagena2021 )

Ahn IE et al, J Clin Oncol 2021; 39: 576-585

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro