GSK Ematologia
Janssen Oncology
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom
Passamonti Linfoma mantellare

Regime iper-CVAD in combinazione con Ofatumumab come terapia di prima linea per adulti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B negativa al cromosoma Philadelphia


L'aggiunta di Rituximab ( MabThera ) alla chemioterapia intensiva ha migliorato gli esiti nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B.
Ofatumumab ( Arzerra ) è un anticorpo monoclonale anti-CD20 che si lega al piccolo loop extracellulare di CD20 e ha una citotossicità in vitro mediata dal complemento maggiore rispetto a Rituximab.

Sono state valutate l'attività e la sicurezza di Ofatumumab in combinazione con la chemioterapia in pazienti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B CD20-positiva negativa al cromosoma Philadelphia ( Ph ).

È stato effettuato uno studio di fase 2 a braccio singolo condotto presso l’MD Anderson Cancer Center ( Houston, TX, USA ).
Erano eleggibili i pazienti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B Ph-negativa di nuova diagnosi o linfoma linfoblastico con espressione di CD20 almeno dell'1%.
I pazienti sono stati trattati con un massimo di 8 cicli del regime iper-CVAD ( regime iperfrazionato con Ciclofosfamide, Vincristina, Doxorubicina e Desametasone ) nei cicli 1, 3, 5 e 7 alternati con Metotrexato e Citarabina ad alte dosi nei cicli 2, 4, 6 e 8.

Ofatumumab è stato somministrato nei giorni 1 e 11 dei cicli 1 e 3 e nei giorni 1 e 8 dei cicli 2 e 4 per un totale di 8 dosi.
La prima dose di Ofatumumab è stata di 300 mg per via endovenosa e tutte le dosi successive sono state di 2.000 mg per via endovenosa.
I pazienti hanno ricevuto 30 cicli di terapia di mantenimento con 6-Mercaptopurina, Vincristina, Metotrexato e Prednisone ( POMP ), con quattro cicli di intensificazione ( Metotrexato ad alte dosi più L-Asparaginasi e iper-CVAD più Ofatumumab nei cicli 6-7 e 18-19 ).

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ), la risposta globale ( ORR ) e la sopravvivenza globale ( OS ).
Tutti i pazienti arruolati sono stati inclusi nelle analisi primarie e di sicurezza.

Nel periodo 2011-2017, 69 pazienti ( 67 pazienti avevano leucemia linfoblastica acuta a cellule B e 2 avevano linfoma linfoblastico a cellule B; età media 41 anni ) sono stati arruolati e trattati, tra cui 33 ( 48% ) di età compresa tra 18 e 39 anni.
9 pazienti su 33 ( 27% ) avevano leucemia linfoblastica acuta Ph-like.

Con un follow-up mediano di 44 mesi, la sopravvivenza libera da eventi a 4 anni è stata del 59%; 69% tra gli adolescenti e giovani adulti di età compresa tra 18 e 39 anni.

La sopravvivenza globale a 4 anni è stata del 68%; 74% tra gli adolescenti e giovani adulti.

Il tasso di risposta globale è stato del 98% ( 64 su 65 pazienti ).

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 non-ematologici più comuni sono stati: infezioni ( 35 su 65 pazienti durante l'induzione, 54%; 53 su 68 pazienti, 78%, durante il consolidamento ).

In tutto 10 pazienti su 69 ( 14% ) sono deceduti in remissione completa per sepsi ( 2, 3% ), arresto cardiaco ( 1, 1% ), leucemia mieloide acuta correlata alla terapia ( 2, 3% ) e complicanze del trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( 5, 7% ).
Nessuno di questi decessi è stato considerato correlato al trattamento con Ofatumumab.

La combinazione di iper-CVAD più Ofatumumab è sicura e attiva negli adulti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B Ph-negativa CD20-positiva.
La modifica di questo regime con l'aggiunta di nuovi costrutti di anticorpi monoclonali e bispecifici mirati a CD19 e CD22 potrebbe migliorare ulteriormente gli esiti e consentire la riduzione dell'intensità e della durata della chemioterapia. ( Xagena2020 )

Jabbour E et al, Lancet Haematology 2020; 7: 523-533

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro