Janssen Oncology
GSK Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Remissione senza trattamento dopo l'interruzione del trattamento con Dasatinib di prima linea in pazienti con leucemia mieloide cronica: studio di prima linea DADI


Un precedente studio sulla sospensione di Dasatinib ( Sprycel ) ha mostrato che 31 pazienti su 63 ( 49% ) con leucemia mieloide cronica in fase cronica che erano stati trattati con Dasatinib come seconda linea o linea successiva potevano interrompere il farmaco in modo sicuro.

Tuttavia, la sicurezza e l'efficacia della sospensione di prima linea di Dasatinib rimangono non-ben definite.

Nello studio DADI di prima linea è stata valutata la sopravvivenza libera da recidiva molecolare 6 mesi dopo l'interruzione di Dasatinib nei pazienti con leucemia mieloide cronica che erano stati trattati con Dasatinib come prima linea e avevano mantenuto una risposta molecolare profonda per almeno 1 anno.

Lo studio di fase 2 DADI di prima linea era a braccio singolo, multicentrico, condotto in 23 ospedali in Giappone.
Sono stati arruolati pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica di nuova diagnosi senza epatosplenomegalia e massa extramidollare, sottoposti a trattamento con Dasatinib per almeno 24 mesi e con risposta molecolare profonda sostenuta ( definita come BCR-ABL1 / ABL1 scala internazionale minore o uguale a 0.0069% in almeno quattro campioni successivi in un periodo di 12 mesi ).

Altri criteri di ammissibilità erano un'età di 15 anni o più, un punteggio ECOG performance status di 0–2 e nessuna disfunzione degli organi primari.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da recidiva molecolare ( nota anche come remissione senza trattamento ) dopo l'interruzione di Dasatinib a 6 mesi ed è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno completato la fase di consolidamento di 12 mesi.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento.

Questo studio è stato chiuso in anticipo a causa dell’arruolamento.

Tra il 2013 e il 2016, 68 pazienti che hanno avuto una risposta molecolare profonda dopo aver ricevuto Dasatinib di prima linea per almeno 24 mesi sono stati arruolati e assegnati alla fase di consolidamento.
9 pazienti sono stati esclusi durante la fase di consolidamento e un paziente è stato escluso dopo il completamento dello studio a causa del rispetto dei criteri di esclusione.

In tutto 58 pazienti hanno sospeso Dasatinib e sono stati valutati. 32 pazienti su 58 ( 55% ) hanno presentato remissione senza trattamento 6 mesi dopo l'interruzione di Dasatinib e il follow-up mediano è stato di 23.3 mesi.
La remissione senza trattamento a 6 mesi è stata del 55%.

Non si sono verificati eventi avversi non-ematologici peggiori del grado 2 prima della sospensione di Dasatinib.
L'evento avverso ematologico più comune è stata l'anemia ( 14 pazienti su 68 trattati, 21% ); 3 di 68 pazienti trattati ( 4% ) hanno presentato neutropenia di grado 3 e 1 ( 1% ) linfopenia di grado 4.

I risultati hanno indicato che Dasatinib potrebbe essere interrotto in modo sicuro dopo il trattamento di prima linea in pazienti con leucemia mieloide cronica che avevano ricevuto almeno 36 mesi di terapia e con una risposta molecolare profonda sostenuta; tuttavia, è necessaria una ulteriore conferma in studi più ampi. ( Xagena2020 )

Kimura S et al, Lancet Haematology 2020; 7: 218-225

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro