ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ruxolitinib in associazione con Azacitidina nella sindrome mielodisplastica / neoplasie mieloproliferative


Ruxolitinib ( Jakavi ) e Azacitidina ( Vidaza ) mirano a manifestazioni distinte della sindrome mielodisplastica / neoplasie mieloproliferative ( MDS/MPN ).
I pazienti con MDS/MPN hanno inizialmente ricevuto Ruxolitinib BID ( dosi basate sul conteggio delle piastrine ), continuativamente in cicli di 28 giorni per i primi 3 cicli.

Azacitidina 25 mg/m2 ( giorno 1-5 ) per via endovenosa o sottocutanea è stata raccomandata da aggiungere a ciascun ciclo iniziando al ciclo 4 con aumento fino a 75 mg/m2 ( 1-5 giorni ) per il controllo della malattia.
Azacitidina poteva essere iniziata prima del ciclo 4 e/o alla dose più elevata in pazienti con malattia a rapida proliferazione o con blasti elevati.
Sono stati trattati 35 pazienti ( MDS/MPN-U, n=14; leucemia mielomonocitica cronica [ CMML ], n=17; leucemia mieloide cronica atipica [ aCML ], n=4 ), con un follow-up mediano di 15.2 mesi.

Tutti i pazienti sono stati valutati secondo i criteri di risposta internazionali del 2015 per MDS/MPN ( ICP MDS/MPN ) e 20 ( 57% ) hanno risposto.
9 pazienti ( 45% ) hanno risposto dopo l'aggiunta di Azacitidina.
Una riduzione superiore al 50% della splenomegalia palpabile a 24 settimane è stata osservata in 9 pazienti su 14 ( 64% ).

I responder erano più frequentemente JAK2-mutati ( P=0.02 ) e avevano splenomegalia ( P=0.03 ) rispetto ai non-responder.

Anemia e trombocitopenia di grado 3-4 di nuova insorgenza si sono verificate rispettivamente in 18 ( 51% ) e 19 ( 54% ) pazienti, ma hanno richiesto l'interruzione della terapia in un solo paziente ( 3% ).

I pazienti con MDS/MPN-U ( inclassificabile ) hanno avuto una sopravvivenza mediana migliore rispetto a leucemia mielomonocitica cronica e leucemia mieloide cronica atipica ( 26.5 vs 15.1 vs 8 mesi, P=0.034 ).
La combinazione di Ruxolitinib e Azacitidina è stata ben tollerata con un tasso di risposta ICP MDS / MPN del 57% nei pazienti con MDS/MPN.
Il beneficio di sopravvivenza è stato più marcato nei pazienti con MDS/MPN-inclassificabile. ( Xagena2018 )

Assi R et al, AM J Hematol 2018; 93: 277-285

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro