Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Secondi tumori primari nei pazienti con linfoma dopo chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche


I secondi tumori maligni primari ( SPM ) sono complicazioni note dopo la chemioterapia, ma il rischio non è ben caratterizzato per i pazienti con linfoma trattati con dosi elevate di chemioterapia e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ).

È stato studiato il tasso di secondi tumori maligni primari in questa popolazione rispetto agli individui di controllo abbinati dalla popolazione generale.

In uno studio di coorte retrospettivo basato sulla popolazione, i pazienti di età pari o superiore a 18 anni con un linfoma aggressivo che hanno ricevuto chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo in Danimarca tra il 2001 e il 2017, sono stati inclusi nel registro dei linfomi danesi e sono stati abbinati a individui di controllo della popolazione generale per anno di nascita e sesso.

I pazienti erano idonei se avevano una data registrata di trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche e i pazienti con linfoma primario del sistema nervoso centrale sono stati esclusi. I criteri di esclusione sia per i pazienti che per i soggetti di controllo abbinati erano: infezione da virus HIV, trapianto di organi o altre neoplasie prima dell'inclusione.

L'endpoint chiave era l'incidenza di secondi tumori maligni primari valutata in tutti i partecipanti allo studio.

L'effetto del trattamento con secondi tumori maligni primari è stato studiato anche nei pazienti seguiti per prima diagnosi di linfoma, con chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche come esposizione tempo-dipendente.

Dei 910 pazienti con linfoma valutati, 803 sono stati inclusi ( 537 erano maschi, 67%, e 266 erano donne, 33% ); sono stati inclusi 4.015 individui di controllo abbinati ( 2.685, 67%, erano maschi e 1.330, 33%, erano femmine ).
I dati sull'etnia non erano disponibili.

Il follow-up mediano è stato di 7.76 anni.

Il tasso di secondi tumori maligni primari è risultato più alto tra i pazienti che avevano ricevuto chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche rispetto ai soggetti di controllo abbinati ( hazard ratio aggiustato, aHR=2.35; P minore di 0.0001 ).

I pazienti che avevano ricevuto dosi elevate di chemioterapia e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche avevano un tasso più elevato di tumore della pelle non-melanoma ( 2.94; P minore di 0.0001 ) e di sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta ( 41.13; P minore di 0.0001 ) rispetto agli individui di controllo corrispondenti, ma non è emersa differenza significativa nel tasso di tumori solidi ( 1.21; P=0.24 ).

Il rischio cumulativo di secondi tumori maligni primari a 10 anni è stato del 20% nei pazienti rispetto al 14% negli individui di controllo abbinati.

La chemioterapia ad alte dosi e il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche è stato associato ad un aumento del rischio di secondi tumori maligni primari se analizzato come esposizione dipendente dal tempo dalla prima diagnosi di linfoma ( HR aggiustato 1.58; P=0.0054 ).

La chemioterapia ad alte dosi e il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche sono stati associati a un aumento del rischio di cancro cutaneo non-melanoma e sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta, ma non con l’aumento del rischio di tumori solidi nei pazienti trattati per linfoma.

Questi risultati sono rilevanti per future valutazioni individualizzate del rapporto rischio-beneficio quando si sceglie tra dosi elevate di chemioterapia e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche e terapia CAR- T in questo ambito. ( Xagena2023 )

Trab T et al, Lancet Haematology 2023; 10: 838-848

Emo2023 Onco2023



Indietro