Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Selinexor nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario: studio SADAL


Il linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) recidivante o refrattario è un tumore aggressivo con una sopravvivenza globale mediana inferiore a 6 mesi.
È stata valutata la risposta a Selinexor ( Xpovio ) come agente singolo, un inibitore selettivo orale dell'esportazione nucleare, in pazienti con DLBCL recidivante o refrattario che non avevano opzioni terapeutiche di potenziale beneficio clinico.

SADAL è uno studio multicentrico, multinazionale, in aperto, di fase 2b, condotto in 59 siti in 19 Paesi.
Sono stati arruolati pazienti di età pari o superiore a 18 anni con linfoma diffuso a grandi cellule B patologicamente confermato, ECOG performance status pari o inferiore a 2, che avevano ricevuto da due a cinque linee di terapie precedenti e che avevano progredito dopo trapianto di cellule staminali autologhe o non erano candidati al trapianto di cellule staminali autologhe.

Il sottotipo tumorale delle cellule B del centro germinale o del centro non-germinale e lo stato di doppio o triplo espressore sono stati determinati mediante immunoistochimica e lo stato di doppio o triplo hit è stato determinato mediante citogenetica.

I pazienti hanno ricevuto 60 mg di Selinexor per via orale nei giorni 1 e 3 settimanalmente fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

Lo studio è stato inizialmente progettato per valutare sia la dose da 60 mg che quella da 100 mg due volte a settimana di Selinexor; tuttavia, la dose da 100 mg è stata interrotta nel protocollo ( versione 7.0 ) nel marzo 2017, quando è stata osservata una finestra terapeutica migliore a 60 mg.

L'esito primario era il tasso di risposta globale.

L'esito primario e la sicurezza sono stati valutati in tutti i pazienti che hanno ricevuto 60 mg di Selinexor con la versione 6.0 del protocollo, o arruolati con la versione 7.0 o successiva del protocollo e hanno ricevuto almeno una dose di Selinexor.

Nel periodo 2015-2019, 267 pazienti sono stati assegnati in modo casuale, con 175 soggetti assegnati al gruppo 60 mg e 92 al gruppo 100 mg ( poi interrotto ).
48 pazienti assegnati al gruppo da 60 mg sono stati esclusi a causa dell'arruolamento prima della versione 6.0 del protocollo; i rimanenti 127 pazienti hanno ricevuto Selinexor 60 mg e sono stati inclusi nelle analisi di esito primario e sicurezza.

Il tasso di risposta globale è stato del 28% ( 36 su 127 ); 15 ( 12% ) hanno ottenuto una risposta completa e 21 ( 17% ) una risposta parziale.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati trombocitopenia ( n=58 ), neutropenia ( n=31 ), anemia ( n=28 ), affaticamento ( n=14 ), iponatriemia ( n=10 ) e nausea ( n=8 ).
Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati piressia ( n=9 ), polmonite ( n=6 ) e sepsi ( n=6 ).

Non ci sono stati decessi ritenuti essere correlati al trattamento con Selinexor.

Selinexor orale come singolo agente ha indotto risposte durevoli e ha avuto un profilo di eventi avversi gestibile nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario che hanno ricevuto almeno due linee di precedente chemioimmunoterapia.
Selinexor potrebbe essere considerato una nuova opzione di trattamento orale non-citotossico in questo contesto. ( Xagena2020 )

Kalakonda N et al, Lancet Haematology 2020; 7: 511-522

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro