GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia

Sicurezza e attività clinica di una terapia di combinazione con 2 farmaci a bersaglio basati su anticorpi per il trattamento del linfoma non-Hodgkin


Inotuzumab ozogamicina ( INO ) è un agente chemioterapico composto da un anticorpo anti-CD22 coniugato con Calicheamicina, un potente agente citotossico.

È stato condotto uno studio di fase I/II per determinare la massima dose tollerata, la sicurezza, l’efficacia e la farmacocinetica di Inotuzumab ozogamicina più Rituximab ( R-INO ) per il trattamento del linfoma non-Hodgkin, recidivato o refrattario, a cellule B CD20(+)/CD22(+).

Una fase di aumento graduale del dosaggio per determinare la massima dose tollerata di R-INO è stata seguita da una coorte espansa per una ulteriore valutazione di efficacia e sicurezza alla massima dose tollerata.

Pazienti con linfoma follicolare recidivato, linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato o linfoma non-Hodgkin, aggressivo e refrattario, hanno ricevuto R-INO ogni 4 settimane e fino a 8 cicli.

In totale, 118 pazienti hanno ricevuto uno o più cicli di Inotuzumab ozogamicina più Rituximab ( mediana, 4 cicli ).

I più comuni eventi avversi di grado da 3 a 4 sono stati trombocitopenia ( 31% ) e neutropenia ( 22% ).
Tossicità comuni di basso grado hanno incluso iperbilirubinemia ( 25% ) e aumento di AST ( aspartato aminotransferasi ) ( 36% ).

È stato confermato che la massima dose tollerata di Inotuzumab ozogamicina in combinazione con Rituximab ( 375 mg/m2 ) è uguale a quella di Inotuzumab ozogamicina come singolo agente ( 1.8 mg/m2 ).

Il trattamento alla massima dose tollerata ha portato a tassi di risposta oggettiva di 87%, 74% e 20%, rispettivamente, per il linfoma follicolare in recidiva ( n=39 ), linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato ( n=42 ) e linfoma non-Hodgkin aggressivo e refrattario ( n=30 ).

A 2 anni, il tasso di sopravivenza libera da progressione è stato pari al 68% per il linfoma follicolare e al 42% per il linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato.

In conclusione, la combinazione R-INO ha mostrato alti tassi di risposta e una lunga sopravvivenza libera da progressione in pazienti con linfoma follicolare o linfoma diffuso a grandi cellule B.
Questa caratteristica e il profilo di tossicità gestibile suggeriscono che la combinazione Inotuzumab ozogamicina e Rituximab è un’opzione promettente per il trattamento del linfoma non-Hodgkin a cellule B CD20(+)/CD22(+). ( Xagena2013 )

Fayad L et al, J Clin Oncol 2013; 31: 573-583

Emo2013 Onco2013 Farma2013


Indietro