GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Sicurezza e tollerabilità di Eltrombopag per il trattamento della trombocitopenia nei pazienti con sindromi mielodisplastiche avanzate o leucemia mieloide acuta


I pazienti affetti da sindrome mielodisplastica o leucemia mieloide acuta che sono trombocitopenici e non sono in grado di ricevere la terapia modificante la malattia hanno poche opzioni di trattamento.
La trasfusione di piastrine fornisce benefici transitori e limitati dalla alloimmunizzazione.

Eltrombopag ( Revolade ), un agonista del recettore della trombopoietina per via orale, aumenta la conta delle piastrine e ha attività antileucemica preclinica.

Uno studio ha valutato la sicurezza e la tollerabilità di Eltrombopag per il trattamento della trombocitopenia nei pazienti adulti affetti da sindrome mielodisplastica avanzata, leucemia mieloide acuta secondaria dopo sindrome mielodisplastica, o leucemia mieloide acuta de-novo.

È stato effettuato uno studio multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, di fase 1/2 presso 37 Centri in 10 Paesi in Europa, Asia orientale e Americhe.

I pazienti di età a partire da 18 anni che avevano malattia recidivata o refrattaria o non erano ammissibili ai trattamenti standard; avevano conta piastrinica inferiore a 30 x 109 piastrine per litro; avevano 10-50% di blasti midollari; o erano dipendenti da trasfusione di piastrine sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Eltrombopag una volta al giorno o una dose di placebo abbinata da 50 mg a una dose massima di 300 mg.

La randomizzazione è stata stratificata per la presenza di cariotipo di prognosi infausta ( complesso ) ( presenza di almeno tre anomalie, o anomalie del cromosoma 7, versus assenza ) e conta del numero di blasti del midollo osseo ( meno del 20% vs 20% o più ).

L'endpoint primario era la sicurezza e la tollerabilità, tra cui gli eventi avversi, gli effetti tossici non-ematologici di laboratorio di grado 3-4, e cambiamenti nella conta di blasti del midollo osseo al basale.

L’analisi era intention-to-treat.

Tra il 2009 e il 2013 sono stati assegnati 98 pazienti in modo casuale a ricevere Eltrombopag ( n=64 ) o placebo ( n=34 ).

Un totale di 63 pazienti ( 98% ) nel gruppo Eltrombopag e 32 pazienti ( 94% ) nel gruppo placebo hanno manifestato eventi avversi.
Gli eventi avversi più comuni sono stati piressia ( 27 [ 42% ] vs 11 [ 32% ] ), nausea ( 20 [ 31% ] vs 7 [ 21% ] ), diarrea ( 19 [ 30% ] vs 6 [ 18% ] ), affaticamento ( 16 [ 25% ] vs 6 [ 18% ] ), diminuzione dell'appetito ( 15 [ 23% ] vs 5 [ 15% ] ), e polmonite ( 14 [ 22% ] vs 8 [ 24% ] ).
Gli eventi avversi correlati al farmaco di grado 3 o superiore sono stati segnalati in 6 pazienti ( 9% ) nel gruppo Eltrombopag e 4 pazienti ( 12% ) nel gruppo placebo.

L’aumento della percentuale di blasti periferici non differiva significativamente tra i due gruppi.

Emorragia di grado 3 o superiore è stata segnalata in 10 pazienti ( 16% ) trattati con Eltrombopag e in 9 pazienti ( 26% ) trattati con placebo.

21 pazienti ( 33% ) che hanno ricevuto Eltrombopag e 16 pazienti ( 47% ) trattati con placebo sono morti durante il trattamento.
Nessun decesso nei pazienti trattati con Eltrombopag e 2 decessi nei pazienti trattati con placebo sono stati considerati correlati al trattamento.

Esami del midollo osseo post-basali sono stati effettuati in 40 pazienti ( 63% ) nel gruppo Eltrombopag e 17 pazienti ( 50% ) nel gruppo placebo.
Il motivo più comune per la mancata esecuzione dell’esame era la morte prima della valutazione prevista a 3 mesi.
Non ci sono state differenze tra la conta dei blasti del midollo osseo mediani o le proporzioni di blasti periferici tra i gruppi.

Eltrombopag a dosaggi fino a 300 mg al giorno ha avuto un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con sindrome mielodisplastica avanzato o leucemia mieloide acuta.
Il ruolo di Eltrombopag in questi pazienti merita ulteriori indagini. ( Xagena2015 )

Platzbecker U et al, Lancet 2015; 2: e417-e426

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro