ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sopravvivenza dei pazienti con linfoma periferico a cellule T dopo prima recidiva o progressione


Sono in fase di studio diverse nuove terapie per il linfoma periferico a cellule T recidivato o refrattario; tuttavia, il loro impatto relativo sull’esito non è noto.

Uno studio ha esaminato la sopravvivenza dei pazienti con linfoma periferico a cellule T dopo recidiva o progressione in assenza di trapianto di cellule staminali ematopoietiche e ha esplorato i fattori che influenzano la sopravvivenza.

Sono stati valutati i 3 sottotipi più comuni presenti in Nord America: linfoma periferico a cellule T non-altrimenti-specificato, linfoma a cellule T angioimmunoblastico e linfoma anaplastico a grandi cellule; positivo e negativo per chinasi del linfoma anaplastico [ ALK ].

Dopo le esclusioni, sono stati analizzati 153 pazienti ( linfoma non-altrimenti-specificato, n=79 [ 52% ]; linfoma angioimmunoblastico, n=38 [ 25% ]; linfoma anaplastico ALK-positivo, n=11 [ 7% ]; linfoma anaplastico ALK-negativo, n=27 [ 16%; incluso status non-noto di ALK, n=1 ] ).

Il tempo mediano dalla diagnosi iniziale alla recidiva o alla progressione dopo la terapia primaria è stato di 6.7 mesi, e l’età mediana alla recidiva è stata di 66 anni ( linfoma a grandi cellule ALK-positivo, 39 anni ).

La sopravvivenza generale mediana e la sopravvivenza mediana libere da progressione dopo recidiva o progressione ( seconda sopravvivenza libera da progressione ) sono state, rispettivamente, di 5.5 e 3.1 mesi, e sono risultate solo marginalmente migliori nei pazienti che avevano ricevuto chemioterapia alla recidiva ( n=89 [ 58% ]; 6.5 e 3.7 mesi, rispettivamente ).

Pazienti con un buon performance status di 0 o 1 ( n=47 ) alla recidiva, sottoposti a chemioterapia, hanno presentato una sopravvivenza generale ( P inferiore a 0.001; sopravvivenza generale mediana, 13.7 mesi ) e una sopravvivenza libera da progressione ( P=0.006; seconda sopravvivenza mediana libera da progressione, 5.0 mesi ) favorevoli, che sono rimaste significative nell’analisi multivariata ( sopravvivenza mediana: hazard ratio [ HR ], 2.09; P=0.002; seconda sopravvivenza libera da progressione: HR, 1.66; P=0.030 ).

In conclusione, la maggior parte dei pazienti con linfoma periferico a cellule T recidivato o refrattario hanno esiti non-favorevoli con una sopravvivenza breve.
I pazienti selezionati con un buon performance status hanno presentato esiti più favorevoli con la chemioterapia standard. ( Xagena2013 )

Mak V et al, J Clin Oncol 2013; 31: 1970-1976

Emo2013 Onco2013



Indietro