ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia a base di Bortezomib per linfoma a cellule del mantello di nuova diagnosi


L’inibitore del proteasoma Bortezomib ( Velcade ) è stato inizialmente approvato per il trattamento del linfoma a cellule del mantello recidivante.

Uno studio ha verificato se la sostituzione con Bortezomib della Vincristina nella terapia di prima linea con R-CHOP ( Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ) sia in grado di migliorare i risultati nei pazienti con linfoma a cellule del mantello di nuova diagnosi.

In uno studio di fase 3, sono stati assegnati in modo casuale 487 pazienti adulti con diagnosi recente di linfoma a cellule del mantello che erano inammissibili o non-considerati per il trapianto di cellule staminali a ricevere da 6 a 8 cicli di 21 giorni di R-CHOP per via endovenosa al giorno 1 ( con Prednisone somministrato per os nei giorni 1-5 ) o VR-PAC (regime R-CHOP, ma sostituendo Vincristina con Bortezomib alla dose di 1.3 mg per metro quadro di superficie corporea nei giorni 1, 4, 8 e 11 ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Dopo un follow-up mediano di 40 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione ( secondo revisione radiologica indipendente ) è stata di 14.4 mesi nel gruppo R-CHOP rispetto a 24.7 mesi nel gruppo VR-CAP ( hazard ratio a favore del gruppo VR-CAP, HR=0.63; P minore di 0.001 ), un miglioramento relativo del 59%.

Sulla base della valutazione dei ricercatori, la durata mediana di sopravvivenza libera da progressione è stata, rispettivamente, di 16.1 mesi e di 30.7 mesi ( HR=0.51; P minore di 0.001 ), un miglioramento relativo del 96%.

Gli endpoint secondari sono risultati costantemente migliorati nel gruppo VR-CAP, tra cui: il tasso di risposta completa ( 42% vs 53% ), la durata mediana della risposta completa ( 18.0 mesi vs 42.1 mesi ), l'intervallo libero da trattamento mediano ( 20.5 mesi vs 40.6 mesi ) e il tasso di sopravvivenza globale a 4 anni ( 54% vs 64% ).

I tassi di neutropenia e trombocitopenia sono risultati più alti nel gruppo VR-CAP.

In conclusione, VR-CAP ha dimostrato di essere più efficace di R-CHOP nei pazienti con linfoma a cellule del mantello di nuova diagnosi, ma a costo di un aumento della tossicità ematologica. ( Xagena2015 )

Robak T et al, N Engl J Med 2015;372:944-953

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro