2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
Madrid 22nd congress
Reumatologia

Terapia CAR-T: una singola dose di Tisagenlecleucel offre risposte a lungo termine nella leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivata o refrattaria


I risultati aggiornati dello studio clinico di fase 2, ELIANA, hanno mostrato che un singolo trattamento a base di Tisagenlecleucel ( Kymriah ), una nuova terapia immunocellulare con recettore antigenico chimerico delle cellule T ( CAR-T ), ha portato a remissione duratura nel lungo periodo pazienti pediatrici e giovani adulti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B recidivata o refrattaria.

Kymriah è la prima terapia CAR-T approvata dall'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA; è composta da un dominio di legame all'antigene CD19, un dominio co-stimolatore 4-1BB e un dominio di segnalazione CD3-zeta.

L'approvazione di Tisagenlecleucel da parte della FDA è avvenuta in base ai risultati dello studio ELIANA, a singolo braccio, condotto presso 25 Centri negli Stati Uniti, Canada, Europa, Australia e Giappone.

Al momento dell'approvazione, 68 pazienti avevano ricevuto infusioni di Tisagenlecleucel e 63 sono stati valutati per l'efficacia.
Cinquantadue pazienti ( 83% ) hanno raggiunto la remissione completa o la remissione completa con recupero incompleto di emocromo entro 3 mesi dall'infusione.
La durata mediana della remissione non-è-stata raggiunta ( IC 95%, 7.5 mesi, non-stimabile ).

Per determinare gli effetti a lungo termine, è stata condotta una analisi ampliata di ELIANA che ha incluso 75 pazienti infusi con Tisagenlecleucel e valutati per sicurezza ed efficacia.

L'endpoint primario era rappresentato dal tasso di remissione globale superiore al 20% a 3 mesi nel set di analisi completo.

Tutti i pazienti che hanno risposto al trattamento sono risultati negativi per la malattia minima residua valutata tramite citometria a flusso.
Il tasso di remissione globale è stato dell'81%.

La durata mediana della remissione non-è-stata-raggiunta.

La sopravvivenza libera da recidiva tra i risponder è stata dell'80% a 6 mesi e del 59% a 12 mesi.

La sopravvivenza libera da eventi è stata del 73% ( IC 95%, 60-82 ) a 6 mesi e del 50% ( IC 95%, 35-64 ) a 12 mesi.

La sopravvivenza globale è stata del 90% ( IC 95%, 81-95 ) a 6 mesi e del 76% ( IC 95, 63-86 ) a 12 mesi.

E' stata osservata persistenza di Tisagenlecleucel nel sangue per un massimo di 20 mesi ( mediana, 168 giorni ).

Tra tutti e 75 i pazienti, il 73% ha manifestato eventi avversi di grado 3 e di grado 4 correlati al trattamento.
La sindrome da rilascio delle citochine si è verificata nel 77% dei pazienti; tuttavia, questi eventi sono risultati gestibili.

Il 40% dei pazienti ha manifestato eventi neurologici, che sono stati gestiti mediante cure di supporto. Non si sono verificati casi di edema cerebrale. ( Xagena2018 )

Fonte: Perelman School of Medicine - University of Pennsylvania, 2018

Emo2018 Onco2018 Med2018



Indietro