Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Celgene Ematologia

Tisagenlecleucel di seconda linea o terapia standard nel linfoma aggressivo a cellule B


Gli esiti dei pazienti sono sfavorevoli per i linfomi non-Hodgkin aggressivi a cellule B che non rispondono o progrediscono entro 12 mesi dalla terapia di prima linea.
Tisagenlecleucel ( Kymriah ) è una terapia con cellule T che esprimono un recettore chimerico anti-CD19, approvata per il linfoma diffuso a grandi cellule B dopo almeno due linee di trattamento.

È stato condotto uno studio internazionale di fase 3 che ha coinvolto pazienti con linfoma aggressivo che era refrattario o in progressione entro 12 mesi dalla terapia di prima linea.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Tisagenlecleucel con terapia ponte opzionale ( gruppo Tisagenlecleucel ) o chemioterapia di salvataggio e trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) ( gruppo di cure standard ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi, definita come il tempo dalla randomizzazione alla malattia stabile o progressiva alla valutazione alla settimana 12 o successivamente o al decesso. Il crossover per ricevere Tisagenlecleucel era consentito se un evento definito si verificava durante o dopo la valutazione alla settimana 12.
Altri endpoint includevano la risposta e la sicurezza.

In totale 322 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione.

Al basale, la percentuale di pazienti con linfomi di alto grado era più alta nel gruppo Tisagenlecleucel rispetto al gruppo in terapia standard ( 24.1% vs 16.9% ), così come la percentuale con un punteggio IPI ( International Prognostic Index ) ( intervallo da 0 a 5, con punteggi più alti ad indicare una prognosi peggiore ) di 2 o superiore ( 65.4% vs 57.5% ).

In totale il 95.7% dei pazienti nel gruppo Tisagenlecleucel ha ricevuto Tisagenlecleucel; il 32.5% dei pazienti nel gruppo di cure standard è stato sottoposto a trapianto HSCT autologo. Il tempo mediano dalla leucoaferesi all'infusione di Tisagenlecleucel è stato di 52 giorni.

In totale il 25.9% dei pazienti nel gruppo Tisagenlecleucel ha avuto una progressione del linfoma alla settimana 6, rispetto al 13.8% di quelli nel gruppo di terapia standard.
La sopravvivenza mediana libera da eventi in entrambi i gruppi è stata di 3.0 mesi ( hazard ratio per evento o morte nel gruppo Tisagenlecleucel, HR=1.07; P=0.61 ).

Una risposta si è verificata nel 46.3% dei pazienti nel gruppo Tisagenlecleucel e nel 42.5% nel gruppo in terapia standard.
10 pazienti nel gruppo Tisagenlecleucel e 13 nel gruppo in terapia standard sono morti a causa di eventi avversi.

Tisagenlecleucel non è risultato superiore alla terapia di salvataggio standard in questo studio.
Sono necessari ulteriori studi per valutare quali pazienti possono trarre il massimo beneficio da ciascun approccio. ( Xagena2022 )

Bishop MR et al, N Engl J Med 2022; 386: 629-639

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro