ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Tossicità cardiaca e vascolare a lungo termine nei pazienti con leucemia positiva per il cromosoma Philadelphia trattati con Bosutinib


La sicurezza vascolare e cardiaca durante la terapia con inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) è un problema emergente.
E’ stata valutata la tossicità vascolare / cardiaca associata al trattamento con Bosutinib ( Bosulif ) a lungo termine per la leucemia cromosoma Philadelphia positiva ( Ph+ ) in base agli eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ) e alle variazioni negli intervalli QTc e alla frazione di eiezione in due studi: uno studio di fase 1/2 di Bosutinib in seconda / terza / quarta linea per leucemia Ph+ resistente / intollerante a precedenti inibitori della tirosin-chinasi ( n=570 ) e uno studio di fase 3 di Bosutinib in prima linea ( n=248 ) rispetto a Imatinib ( Glivec ) ( n=251 ) nella leucemia mieloide cronica in fase cronica.

Il follow-up è stato di 48 mesi o superiore in entrambi gli studi.

L'incidenza di eventi avversi vascolari / cardiaci, correlati al trattamento, nei pazienti trattati con Bosutinib è stata 7% / 10% nel complesso, con incidenze simili osservate con Bosutinib ( 5% / 8% ) e Imatinib ( 4% / 6% ) in prima linea.

Pochi pazienti hanno presentato eventi vascolari / cardiaci di grado 3 o superiore ( 4% / 4% ) e nessun singolo evento avverso correlato al trattamento si è verificato in più del 2% dei pazienti trattati con Bosutinib.

I tassi di eventi avversi vascolari / cardiaci , dovuti al trattamento, aggiustati per esposizione ( pazienti con eventi/anno-paziente ) sono stati bassi per Bosutinib in seconda linea o successiva ( 0.037 / 0.050 ) e non-significativamente differenti tra Bosutinib ( 0.015 / 0.024 ) e Imatinib ( 0.011 / 0.017; P maggiore o uguale a 0.267 ) in prima linea.

Gli eventi vascolari / cardiaci sono stati gestiti principalmente con farmaci concomitanti ( 39% / 44% ), interruzioni del trattamento con Bosutinib ( 18% / 21% ) o riduzioni della dose ( 4% / 8% ); interruzioni dovute a questi eventi sono state rare ( 0.7% / 1.0% ).

Sulla base di modelli di regressione logistica, un performance status maggiore di 0 e una storia di disturbi vascolari o cardiaci erano prognostici di eventi vascolari / cardiaci in pazienti recidivati / refrattari; iperlipidemia / ipercolesterolemia ed età avanzata erano prognostici di eventi cardiaci.

Nei pazienti di nuova diagnosi, l'età avanzata era prognostica di eventi vascolari / cardiaci; una storia di diabete mellito era prognostica di eventi vascolari.
L'incidenza di eventi cardiaci e vascolari è stata bassa con Bosutinib in prima linea e in ambito di recidiva / refrattarietà in seguito al trattamento a lungo termine nei pazienti con leucemia Ph+. ( Xagena2016 )

Cortes JE et al, Am J Hematol 2016; 91: 606-616

Emo2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro