Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia

Valutazione della negatività sostenuta della malattia minima residua con regimi di associazione di Daratumumab nel mieloma multiplo recidivante e/o refrattario: analisi di POLLUX e CASTOR


Nel mieloma multiplo recidivante e/o refrattario, Daratumumab ( Darzalex ) ha ridotto il rischio di progressione o morte di più del 60% nello studio POLLUX ( Daratumumab / Lenalidomide / Desametasone, D-Rd ) e nello studio CASTOR ( Daratumumab / Bortezomib / Desametasone, D-Vd ).
La malattia minima residua ( MRD ) è una misura sensibile del controllo della malattia.
In questi studi sono stati valutati la negatività prolungata della malattia minima residua e gli esiti.

La malattia minima residua è stata valutata tramite sequenziamento di nuova generazione ( 10-5 ) alla sospetta risposta completa ( CR ), 3 e 6 mesi dopo la risposta CR confermata ( POLLUX ), 6 e 12 mesi dopo la prima dose ( CASTOR ) e ogni 12 mesi dopo risposta CR in entrambi gli studi.
La negatività sostenuta della malattia minima residua ( 6 mesi o più o 12 mesi o più ) è stata valutata nelle popolazioni intent-to-treat ( ITT ) e risposta CR o superiore.

Il follow-up mediano è stato di 54.8 mesi in POLLUX e 50.2 mesi in CASTOR.
Nella popolazione ITT, i tassi di negatività per malattia MRD sono stati del 32.5% rispetto al 6.7% per il regime D-Rd rispetto a Lenalidomide e Desametasone ( Rd ) e del 15.1% rispetto all'1.6% per il regime D-Vd rispetto a Bortezomib e Desametasone ( Vd; entrambi P minore di 0.0001 ).

Tassi più elevati di negatività per malattia MRD sono stati raggiunti nei pazienti con risposta completa o superiore in POLLUX ( D-Rd, 57.4%; Rd, 29.2%; P=0.0001 ) e CASTOR ( D-Vd, 52.8%; Vd, 17.4%; P=0.0035 ).

Un numero maggiore di pazienti nella popolazione ITT ha raggiunto una negatività per malattia minima residua prolungata di 6 mesi o più con il regime D-Rd rispetto al regime Rd ( 20.3% vs 2.1%; P minore di 0.0001 ) e regime D-Vd rispetto a regime Vd ( 10.4% vs 1.2%; P minore di 0.0001 ), e 12 mesi o più con regime D-Rd rispetto a regime Rd ( 16.1% vs 1.4%; P minore di 0.0001 ) e regime D-Vd rispetto a regime Vd ( 6.8% vs 0% ).

Risultati simili per la prolungata negatività alla malattia minima residua sono stati osservati tra i pazienti con risposta completa o superiore.
Un numero maggiore di pazienti nei bracci contenenti Daratumumab ha raggiunto la negatività per malattia MRD e la negatività sostenuta per MRD, che sono state associate a una prolungata sopravvivenza libera da progressione.

Le combinazioni a base di Daratumumab inducono tassi più elevati di negatività sostenuta alla malattia minima residua rispetto allo standard di cura, che sono associati a remissioni durature e a esiti clinici prolungati. ( Xagena2021 )

Avet-Loiseau H et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1139-1149

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro