Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Venetoclax in combinazione con l'induzione e il consolidamento di FLAG-IDA nella leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e nella leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria


Il 60% dei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi ( ND-AML ) che ricevono una terapia di prima linea ottiene una risposta completa ( CR ), ma il 30%-40% dei pazienti va incontro a una recidiva.
La leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria ( R/R-AML ) rimane una patologia particolarmente avversa che necessita di migliori opzioni terapeutiche.

Uno studio di fase Ib/II ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Fludarabina, Citarabina, fattore stimolante le colonie di granulociti e Idarubicina combinati con l'inibitore BCL-2 Venetoclax ( Venclyxto ) in leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria.

La porzione di fase IB ( PIB ) ha arruolato pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria, utilizzando un algoritmo di escalation e de-escalation di 3 + 3 dosi per l'identificazione della dose massima tollerata e delle tossicità dose-limitanti.
La parte di fase II ha arruolato i pazienti in due bracci per valutare la risposta e gli endpoint del tempo all'evento: fase IIA ( PIIA ): leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e fase IIB ( PIIB ): leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria.

Finora sono stati arruolati 68 pazienti ( PIB, 16; PIIA, 29; PIIB, 23 ). L'età media era di 46 anni.

Gli eventi avversi di grado 3 e 4 verificatisi nel 10% o più dei pazienti includevano neutropenia febbrile ( 50% ), batteriemia ( 35% ), polmonite ( 28% ) e sepsi ( 12% ).

Il tasso di risposta globale per Fase IB, Fase IIA e Fase IIB è stato del 75%, 97% e 70% con, rispettivamente, il 75%, 90% e 61% di probabilità di ottenere una risposta completa composita.
La risposta completa composita misurabile residua negativa per malattia è stata ottenuta nel 96% dei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e nel 69% dei pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria.

Dopo un follow-up mediano di 12 mesi, la sopravvivenza globale ( OS ) mediana per entrambe le coorti di Fase II non è stata raggiunta.

Il 56% dei pazienti ha proceduto al trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( ND-AML, 69%; R/R-AML, 46% ).
Nella leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria, il trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ha determinato un miglioramento significativo della sopravvivenza globale ( OS mediana, NR; OS a 1 anno, 87% ).
La sopravvivenza a 1 anno post-HSCT è stata del 94% nella leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e del 78% nella leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria.

Fludarabina, Citarabina, fattore stimolante le colonie di granulociti e Idarubicina + Venetoclax rappresentano un efficace regime di trattamento intensivo nei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi e leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria, associato a remissioni profonde e ad un alto tasso di transizione al successo del trapianto. ( Xagena2021 )

DiNardo CD et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2768-2778

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro